Campagne

Campagne e iniziative

LEGOLAND HOMOSEXUALITY: STORIE DI VITA QUOTIDIANA di Alice Arduino

just married
pridekiss me
Legoland Homosexuality è un progetto fotografico che si propone come campagna sociale di sensibilizzazione e riflessione contro l’omofobia: ricostruire una realtà che ritragga persone comuni, gay e lesbiche in atteggiamenti affettuosi. Scene visibili quotidianamente riprodotte in miniatura per focalizzare l’attenzione sul tema dei diritti civili, che paradossalmente non sono un gioco. L’obbiettivo è quello di mostrare come, attraverso il gioco, sia possibile rappresentare la realtà e mettere in evidenza le coppie omosessuali, le quali hanno pari diritti e necessitano di pari riconoscimenti rispetto alle coppie eterosessuali.

Vai alla pagina del progetto sul sito dell’autrice

Pagina Facebook AliceArduinoPhotography

rightsaddict_interview3

Intervista per la campagna #rightsaddict

RIGHTSADDICT (“drogati di diritti”)
E’ stata presentata l’iniziativa #RightsAddict, condotta dall’attore e autore Fabio Morìci. Si tratta di una videocampagna con la quale, attraverso l’ironia vengono scardinati gli schemi di pensiero più obsoleti in materia di discriminazione sessuale, omofobia, matrimoni tra persone dello stesso sesso, famiglie omogenitoriali.

I video sono disponibili sul sito Youtube.com e si possono vedere cliccando sui seguenti link:
http://youtu.be/YzjBIByhcCA
http://youtu.be/o_EIYyrHDvQ
http://youtu.be/GBv1E_Xg_8U
http://youtu.be/N3cHyjUizCA

La campagna #RightsAddict non è solo sul web. Il 4 aprile 2014  Fabio Morici ha incontrato le classi del Liceo Socrate di Roma, dove ha fatto da testimonial per il progetto “Le Cose Cambiano”. Il primo di una serie di incontri: “È stato molto stimolante. Ho avuto la prova che i veicoli scelti per la campagna #RightsAddict, il web, la velocità, la sintesi, l’ironia, funzionano sui più giovani. Il che è importantissimo, perché il miglior modo di combattere i pregiudizi sociali e fare in modo che smettano di replicarsi di generazione in generazione. Metterli in quarantena, insomma.”

IO SONO PRONTO, E TU?
video_iosonopronto”È un’idea nata dai ragazzi del corso di “Psicologia di comunità” tenuto dal prof. A. Vieno, Università degli studi di Padova, attraverso il cui lavoro è stato realizzato un video di  sensibilizzazione all’omosessualità e alla transessualitàhttp://www.tralaltro.it/2013/07/io-sono-pronto-e-tu/COSÌ IMPARI!
copertina-cd-01COSÌ IMPARI…! “ È la campagna informativa contro l’omo- e la trans-fobia rivolta agli insegnanti di tutte le scuole di ogni ordine grado ideata dall’associazione Stonewall.
  Soprattutto a scuola, oltre che in famiglia, bambini e ragazzi dovrebbero  imparare come relazionarsi con gli altri e come comportarsi nei confronti di tutte le persone percepite come “diverse” da loro. Per questo motivo, è compito di tutti gli insegnanti non perdere mai di vista uno degli obiettivi obiettivo formativo della scuola  ovvero quello di educare al rispetto, al confronto costruttivo, all’integrazione, alla non discriminazione ed alla non violenza.Sito web www.stonewall.itLE COSE CAMBIANO
lomofobiasicombattesuinternetLe cose cambiano è una piattaforma dedicata ai ragazzi che si stanno confrontando con il proprio orientamento sessuale, che non si sentono compresi e accettati, che hanno subito episodi di bullismo omofobico o che vengono discriminati per quello che sono.

Le cose cambiano se siamo noi a farle cambiare. Ci trovi anche su FacebookTwitter e Youtube. Per ulteriori informazioni, scrivici.
le-cose-cambiano LECOSECAMBIANO.org

ALCUNE PERSONE SONO DIVERSE. FATTENE UNA RAGIONE!
La campagna è nata grazie al lavoro di molte volontarie e volontari e alla collaborazione con l’associazione inglese Stonewall dalla quale è stato ripreso lo slogan “Some people are gay. Get over it!”, ideato durante un laboratorio in una scuola di Bristol.
Lo slogan si rivolge direttamente agli omofobi e a coloro che ipocritamente sostengono di essere vicino alle persone gay, lesbiche e trans e poi le ostacolano nel raggiungimento dei Diritti e della piena parità. E’ un slogan volutamente ruvido che invita gli italiani a prendere atto della banalità della realtà e che li incoraggia a confrontarsi e approfondire l’esclusione, il pregiudizio e l’indifferenza. Arcigay ha deciso di declinare lo slogan anche per LESBICHE, BISEX e TRANS e di tradurlo in svariate lingue, dialetti e persino espressioni gergali nel retro delle decine di migliaia di cartoline distribuite.
E’ un messaggio semplice e diretto che contiene un prezioso invito al rispetto di tutti e tutte. E’ una richiesta inequivocabile rivolta a chi non vuole un confronto con questo tema.
Si chiede semplicemente di prendere atto che la persona amica, parente, vicina di casa può anche essere gay o lesbica o bisex o trans: ha la stessa dignità e deve avere gli stessi diritti. E tutto questo giova alla società intera ed è una conquista di civiltà!
WWW.NOOMOFOBIA.IT